fbpx
Politica

Agrigento, gestione illuminazione: Vullo e Vaccarello chiedono interventi

illuminazioneSulla gestione della pubblica illuminazione nel territorio comunale di Agrigento intervengono i consiglieri di aula Sollano, Marco Vullo e Angelo Vaccarello, a seguito di continue segnalazioni ricevute da numerosi

cittadini che lamentano il verificarsi di disservizi rispetto ad una ordinaria attività di manutenzione e ad interventi straordinari che ricadono in capo alla società “Gemmo Spa”, la quale, come è noto, cura in città il servizio attraverso il sub-appalto dato ad una ditta privata la “Siat Srl”.

“Nel dettaglio le lamentele e le segnalazioni pervenuteci – sottolineano ancora Vullo e Vaccarello – riguardano l’insufficiente illuminazione in molte vie cittadine interessate dalla sostituzione dei corpi illuminanti a Led. Un’altra questione riguarda la carenza di celerità negli interventi da parte della ditta per la sostituzione di lampade spente o di interi quartieri che, per svariati motivi, rimangono al buio. Tutto ciò a discapito della sicurezza pubblica dei nostri concittadini”.

“Per queste ragioni – aggiungono i due consiglieri comunali – è opportuno fare chiarezza e comprendere meglio alcuni passaggi, in modo da individuare le responsabilità. Ecco perché ci siamo già rivolti al sindaco Lillo Firetto, all’assessore al ramo, Elisa Virone, all’ingegnere Principato, che guida il competente settore a Palazzo dei Giganti, e alla stessa ditta. Abbiamo chiesto agli uffici interessati di fornirci una dettagliata relazione, in merito a determinati aspetti legati alle modalità di intervento, alle funzioni di controllo e alle poste di spesa, e di effettuare, con la massima urgenza, un sopralluogo congiunto nelle ore serali insieme alla ditta aggiudicataria dei lavori, il dirigente e i responsabili comunali. Un viaggio nei quartieri al fine di valutare attentamente – evidenziano Vullo e Vaccarello – se siano state attivate dalla Gemmo le opportune e corrette misurazioni del LUMEN prima e dopo l’istallazione dei corpi illuminanti vista la notevole differenza in diminuzione del flusso luminoso dopo la sostituzione delle nuove lampade. Se la nostra richiesta non dovesse trovare un tempestivo e positivo riscontro – concludono Vullo e Vaccarello – ci avvarremo di tecnici esterni per fare chiarezza definitiva sulla problematica, chiamando in causa anche le superiori autorità competenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.