fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Agrigento, il “nuovo” Pino di Pirandello compie sedici anni

pino-pirandelloE mentre si celebra il centocinquantesimo anniversario della nascita di Luigi Pirandello, il nuovo Pino del Caos compie sedici anni.

Sono passati oramai poco più di tre lustri da quella suggestiva mattina del 28 di giugno del 2001 quando veniva piantato dal Presidente del Caffè Letterario, ingegnere Bernardo Barone, un alberello di Pino della stessa famiglia di quello che aveva conosciuto Pirandello a pochi passi dalla Rozza Pietra contenente le ceneri del sommo Drammaturgo. Era infatti scomparsa, in una notte di novembre del 1997, la folta chioma del Pino sotto la cui ombra Pirandello sedeva spesso a scrivere e rimirare verso l’orizzonte e con essa la vita dell’intera pianta a causa di una terribile tromba d’aria.

Donata dalla Ditta “Oasi del Fiore” di Naro, la piccola pianta di circa sessanta centimetri riceveva la zolla di copertura dal Presidente della Regione Siciliana, alla presenza del Direttore della Biblioteca Museo, del Sindaco di Porto Empedocle, degli assessori agrigentini, di altre autorità civili, militari e di una folta schiera di residenti e forestieri.

La giovane Socia Marianna, segretaria dell’Ufficio Gestore del Caffè Letterario, a giorni alterni ha innaffiato con un bidone di dieci litri di acqua, dopo il tramonto per due anni consecutivi, nei mesi della calura e della siccità, la nuova creatura del Caos per farla rapprendere e vivere. Poi l’Amministrazione Regionale ha curato mirabilmente coi suoi giardinieri la nuova pianta che oggi ha raggiunto l’altezza di m. 3,50 circa.

Sedici anni di vita, di cure, di pathos e di logos, di vicende varie, continuative e costanti in cui si sono succeduti centinaia di migliaia visitatori di ogni età e di ogni nazione. Pirandello è conosciuto in tutto il mondo col suo pensiero, le sue opere e la sua rivoluzione culturale nel Teatro e nella Letteratura. Non ci sono alcuni ricordi o eventi che prevalgano su altri perché tutti intensi, tutti toccanti e carichi di emozioni, un unico Viaggio Sentimentale. E mentre il Vecchio Pino riposa e rivive nelle foto, nei libri, nelle cartoline e come icona dello scrittore il nuovo Pino si erge oramai ritto verso il cielo ma presto il vento di ponente modellerà la sua arguta chioma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.