fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, senza lavoro vive in auto. L’assessore Riolo: “il nostro un impegno continuo”

riolo giuggiùPerde il lavoro e si trova costretto a vivere nella propria auto.

E’ la storia raccontata ad AgrigentoNotizie, che in queste ore sta facendo il giro della città e che riguarda un giovane 44enne agrigentino, costretto insieme alla moglie a vivere da 6 mesi dentro la propria vettura dopo aver abbandonato la casa nella quale viveva per aver perso il posto di lavoro.

Una triste storia che, al di là del caso specifico, riguarda tante famiglie in stato di bisogno e sul quale le Istituzioni, sia per mancanza di fondi che per mancate competenze, poco o nulla possono fare.

Sul caso è intervenuto l’Assessore comunale alla Solidarietà Sociale, Gerlando Riolo (in foto), che ha evidenziato come non si tratta di un caso isolato. “Il Comune – afferma Riolo – in questi mesi sta lavorando per cercare di reperire fondi per affrontare emergenze che riguardano famiglie in difficoltà. Nei giorni scorsi sono stato alla Regione Siciliana per cercare quanti più fondi possibili al fine di arginare un fenomeno in crescita. Il nostro è un impegno costante a favore dei più bisognosi“.

Dobbiamo precisare – afferma Riolo – che il Comune non può provvedere a assegnare posti di lavoro se non nei modi stabiliti dalla legge, attraverso concorsi pubblici. Abbiamo però previsto di avviare, insieme al Sindaco Firetto, il cosiddetto ‘servizio civico’ che riguarda una forma alternativa rispetto ai sussidi a pioggia che venivano elargiti prima. Il sistema che abbiamo pensato è quello di creare una opportunità per tre mesi ad un gruppo di 80 persone che dovranno svolgere attività per conto del Comune, percependo un corrispettivo mensile di 250 euro. Il sistema sarà diviso in 4 diverse tranche con gruppi di 20 persone. Il primo gruppo verrà immesso in servizio a breve, dopo la definizione delle graduatorie. Successivamente, ogni tre mesi verrà sostituito con il successivo gruppo di 20 persone“. 

L’assessore Riolo poi evidenzia l’impossibilità di destinare alloggi: “Il Comune purtroppo ad oggi non ha possibilità di assegnare alcun tipo di alloggio, e comunque l’eventuale assegnazione sarebbe dovuta avvenire tramite una apposita graduatoria“.

Inoltre, – conclude Riolo – nei giorni scorsi il Comune ha provveduto ad elargire i cosiddetti ‘buoni spesa’ di 50 euro. Piccoli segnali che comunque mostrano particolare attenzione verso i meni abbienti, fermo restando le esigue risorse finanziarie a disposizione“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.