fbpx
Sport

Lega Pro, Akragas beffata: 1 a 1 il derby con il Catania

catania akragasPubblico delle grandi occasioni, oggi al “Massimino” di Catania dove per la decima giornata di campionato va in scena il derby tra i biancoazzurri di Legrottaglie oggi in completo bianco ed i rossoblu di Pippo Pancaro.

Agli ordini del Sig. Mainardi di Bergamo, le squadre si presentano in campo con le seguenti formazioni:

Akragas: Vono, Salandria, Marino, Capuano, Sabatino, Mauri, Vicente, Zibert, Leonetti, Valbuena e Madonia;
Catania: Bastianoni, Parisi, Nunzella, Agazzi, Pelagatti, Ferrario, Russotto, Lulli, Calil, Scarsella e Falcone.

Gran bel primo tempo dei ragazzi di Legrottaglie che imbrigliano il Catania giocando una partita tatticamente perfetta, trovando il vantaggio allo scadere della prima frazione di gioco con un eurogoal di Zibert che calcia dal limite dell’area etnea trovando il sette alla destra di Bastianoni.

L’undici biancoazzurro, oggi in campo con una squadra con una età media di 23 anni, controlla le sfuriate rossoazzurre, concedendo ai padroni di casa pochissime occasioni per passare il vantaggio; le più pericolose saranno a cavallo tra il 20′ ed il 25′ del primo tempo con Cahil di testa prima, strepitosa la parata di Vono, e con Falcone poi, che si vedrà ribattere il tiro da un grandissimo salvataggio di Capuano; da segnalare oltre la grande correttezza in campo e sugli spalti, l’uscita alla mezz’ora di Falcone per infortunio, al suo posto entrerà Calderini.

Al termine della prima frazione di gioco: Catania 0 – Akragas 1.

Il secondo tempo mantiene i toni agonistici della prima frazione di gioco con un’Akragas brava ed attenta tatticamente che va vicina alla rete del raddoppio con Leonetti al 70′ ma Bastianoni in uscita bloccherà la conclusione della punta akragantina.

Scampato il pericolo inizia il forcing finale degli etnei. Sarà ancora una volta decisivo Vono, sul un gran tiro di Russotto al 75′; il giovane numero uno biancoazzurro nulla però potrà al 85′ sul gran tiro dal limite di Gianvito Plasmati entrato a rinfoltire l’attacco degli uomini di Pancaro da pochi minuti, il bomber lascia partite una conclusione imparabile che porta il risultato sull’1 a 1.

Trovato il pareggio gli etnei cercando incessantemente la rete del vantaggio, sarà una battaglia in ogni zona del campo; con ambedue le squadre che cercheranno ed avranno la possibilità di centrare il goal della vittoria; nello specifico il Catania andrà vicino al vantaggio con un colpo di testa di Calil che si va stampate sulla traversa al 93′ e l’Akragas al 94′ con Di Piazza subentrato a Madonia che vedrà terminare il suo pallonetto sul fondo.

Alla fine di un emozionante derby di Sicilia, sarà 1 ad 1, con due squadre che hanno regalato ai 12 mila del “Massimino” (300 circa i tifosi del gigante in terra etnea), una partita maschia e giocata a viso aperto. Va segnalato inoltre il rientro tra le fila dei biancoazzurri di Savanarola, che fa finalmente il suo debutto in campionato e che crediamo sarà una nuova freccia a disposizione del mister Legrottaglie.

Giuseppe Paradisi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.