fbpx
Apertura Cronaca

Migranti, “Open Arms”: la Procura apre fascicolo per sequestro di persona

Aperto a carico di ignoti un fascicolo di inchiesta dalla Procura della Repubblica di Agrigento per l’ipotesi di reato di sequestro di persona in merito al caso dei migranti ancora a bordo della nave Ong spagnola “Open Arms”.

Il fascicolo, coordinato dal procuratore aggiunto Salvatore Vella, è stato aperto dopo l’esposto presentato dai legali della Ong spagnola nel quale si ipotizza che non si sarebbe dato seguito al provvedimento del TAR Lazio che aveva sospeso il provvedimento di divieto di ingresso nelle acque italiane previsto dal Viminale.

Come si ricorderà la nave Open Arms è in mare da oltre due settimane con 134 persone a bordo.

Il “caso” Open Arms al momento vede dunque due fascicoli aperti; il primo riguarda quello – a carico di ignoti – per l’ipotesi di reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Intanto, il Comando Generale della Guardia Costiera scrive al Viminale, al ministero delle Infrastrutture e al ministero degli Esteri chiedendo “con urgenza” una risposta sullo sbarco dei migranti. “Per quanto attiene questo Imrcc – si legge – non vi sono impedimenti di sorta” allo sbarco.

La richiesta del Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo segue la diffida che i legali della Ong spagnola hanno inviato al Comando Generale chiedendo “di autorizzare senza ulteriore indugio l’ingresso della Open Arms nel porto di Lampedusa”.

Sul caso è intervenuto anche il Sindaco di Lampedusa, Totò Martello: “Ormai siamo alla farsa, al ridicolo. Se c’è un problema serio su una nave è inutile che li facciano scendere con il contagocce”.

“Li facciano scendere tutti – sottolinea Martello – il mio discorso è sempre lo stesso un pescatore che ha bisogno di ripararsi in qualsiasi posto del mondo chiede l’autorizzaizone e gli danno il riparo. Non capisco per quale motivo a una imbarcazione, al di là dei migranti a bordo, che chiede di entrare in porto per ripararsi dalle cattive condizioni non venga dato un posto per ripararsi. Se è normale – aggiunge – vuol dire che non ho capito niente nella vita”. E avverte: “Se ci sono reati li possono valutare a terra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.