fbpx
Regioni ed Enti Locali

Racalmuto, primo giorno di raccolta differenziata

Emilio-Messana-20-06-2010Avvio positivo della raccolta differenziata a Racalmuto: alla pesa l’autocompattatore portava la metà dei rifiuti raccolti negli altri giorni, dunque in discarica si porterà di meno e si pagherà di meno.

Gli operatori con i gasoloni – afferma il sindaco di Racalmuto, Emilio Messana (in foto) – hanno fatto il giro del paese e sono stati trecento i sacchetti con i rifiuti della frazione secca portati e registrati, con il sistema delle etichette uno@uno, al Centro Comunale di Raccolta sotto al cimitero. Anche oggi molti cittadini erano in turno all’ufficio ecologia per ritirare i codici“.

E’ un buon inizio, – continua il primo cittadino – il segnale che le famiglie e gli operatori commerciali iniziano, sin dal primo giorno del servizio, a differenziare i rifiuti. La campagna informativa e di sensibilizzazione organizzata con il contributo fondamentale e determinante dei volontari e delle associazioni è penetrata. I dati della prima giornata, considerato che molti cittadini non hanno ancora ricevuto il kit informativo, sono molto incoraggianti. Certamente registriamo delle criticità: alcune strade non sono state raggiunte dai gasoloni, sacchetti lasciati per strada dove prima erano i cassonetti, e sacchetti conferiti nei cassonetti senza rispettare le tipologie previste. Era il primo giorno e c’era da aspettarselo. Il servizio entrerà a regime e i gasoloni riusciranno a coprire tutto il centro abitato. Quanto ai rifiuti per strada, probabilmente, si tratta di cittadini che non sono ancora stati raggiunti dalla comunicazione del nuovo servizio“.

Lasciare i rifiuti per strada – afferma Messana – è vietato ed è anche assurdo, perché in tutto il centro abitato i gasoloni raccolgono i rifiuti porta a porta. Perché uscire di casa e lasciare i rifiuti per strada, quando possono mettersi davanti alla porta e lasciarli prelevare dai nostri operatori. Se si lasciano per strada finiscono nell’autocompattatore e quindi in discarica, con un aumento dei costi a carico della comunità, ma soprattutto a carico di chi non li differenzia e li abbandona perché non potrà beneficiare dello sgravio. La stessa critica vale nei confronti di chi conferisce i rifiuti nei cassonetti, senza rispettare la tipologia. Se nei cassonetti in cui sono previsti i sacchetti con la plastica e i metalli, con il vetro o con la carta e il cartone, si buttano sacchetti di immondizia indifferenziata, tal quale, tutto il carico dei sacchetti andrà a finire nell’autocompattatore e in discarica. I cassonetti sono a servizio di chi risiede fuori dal centro abitato o villeggia in campagna, tutti gli altri cittadini, ripeto, non hanno bisogno di recarsi fin là, è sufficiente che lascino il sacchetto davanti alla porta di casa. Chi non potesse usufruire del servizio porta a porta e non volesse conferire nei cassonetti, potrà sempre recarsi al Centro Comunale di Raccolta, tutti i giorni, tranne il martedì e la domenica, e conferire i sacchetti con i rifiuti della frazione secca e il sacchetto con l’umido. L’indifferenziato dovrà, invece, lasciarlo davanti alla porta, nei giorni di mercoledì e venerdì, oppure conferirlo negli appositi cassonetti. Un ringraziamento a tutti gli operatori, agli impiegati comunali e ai volontari che si impegnano insieme a noi per questo importante traguardo“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.