fbpx
Apertura Cronaca Regioni ed Enti Locali

Ribera, maltrattamenti in famiglia: arrestato 37enne

Nel pomeriggio di ieri, a Ribera, i Carabinieri della locale Tenenza, hanno arrestato il 37enne M.G. di Ribera. Era da due anni che l’uomo, disoccupato e con piccoli precedenti penali, maltrattava la moglie insultandola e picchiandola, anche davanti ai figli minori di 6 e 8 anni. Per questo motivo solo due giorni fa era stato sottoposto dagli stessi Carabinieri alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa, provvedimento emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Sciacca.
Purtroppo nemmeno questo serviva a far desistere l’uomo dalla sua condotta violenta. Infatti, ieri, in preda all’alcol, si presentava presso l’abitazione della propria famiglia e, dopo aver forzato la porta d’ingresso, entrava come una furia, offendendo e picchiando la moglie. Per fortuna della vittima, in casa – oltre ai figli minori terrorizzati, c’era anche sua madre che, compresa la gravità della situazione, telefonava subito ai Carabinieri della Tenenza di Ribera. I militari, giunti immediatamente sul posto e constatato che M.G. stava ancora aggredendo la moglie, arrestavano l’uomo in flagranza di reato per maltrattamenti in famiglia.
Per lui, terminate le formalità di rito, si sono aperte le porte del carcere di Trapani, dove è stato ristretto in attesa di essere interrogato dal Giudice.
Un caso grave di maltrattamenti in famiglia consumato, come tanti altri, sulla pelle o in presenza dei più deboli, i figli minori. Ed è anche per tutelare loro che Autorità Giudiziaria, Arma dei Carabinieri e associazioni per la tutela delle donne maltrattate invitano le vittime di violenze familiari a sporgere denuncia, anche perché la legge oggi mette a disposizione delle vittime un sistema di protezione che offre tante possibilità di difendersi dai soprusi, consentendo, nei casi più gravi, il collocamento in strutture protette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.