fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

A Licata chiusi bar e locali, il Sindaco: “grande prova di responsabilità”

Il sindaco Pino Galanti ed il vice sindaco Antonio Montana, nel tardo pomeriggio di ieri hanno percorso le vie cittadine, insieme ad una pattuglia della Polizia Municipale, per verificare il rispetto del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, e del Governatore della Sicilia Nello Musumeci, che per combattere l’avanzata del Coronavirus hanno disposto la misura straordinaria della chiusura di bar e locali pubblici dalle 18 di ogni giorno, almeno fino al 3 aprile.
Bene, la buona notizia è che alle 18 tutti i locali pubblici di Licata erano chiusi.
Non c’è alcun titolare che si è sottratto al divieto. Anche i ristoranti e le pizzerie, eccezion fatta per quelle d’asporto che sono autorizzate, hanno abbassato le saracinesche, rispettando le ordinanze sindacali, emesse sulla scorta dei provvedimenti nazionali e regionali.

“Questo è un segno – è il commento del sindaco Pino Galanti – di grande maturità degli esercenti licatesi. Non abbiamo dovuto convincere nessuno a chiudere, lo hanno fatto spontaneamente, adeguandosi alle direttive. Chi non fa, tra l’altro, commette un reato. Li ringraziamo per avere dimostrato grande senso civico e del dovere, per avere contribuito a limitare i danni prodotti dal Coronavirus. Al tempo stesso ringraziamo i rappresentanti delle forze dell’ordine per l’impegno che stanno mettendo in questa lotta contro il virus”.

“I controlli – ha aggiunto il vice sindaco Antonio Montana, titolare della delega alla Polizia Municipale – proseguiranno anche nei prossimi giorni, ma quanto accaduto stasera ci lascia ben sperare. Tutti, proprio tutti, si sono adeguati alle norme, comprendendo la gravità del momento, pur sapendo che una simile situazione metterà a dura prova soprattutto le piccole aziende, spesso a conduzione familiare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.