fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, “mistero” sullo smartphone smarrito in Consiglio Comunale: replica di Bruccoleri e Catalano

margherita bruccoleri agrigento cambiaE’ un vero e proprio mistero quanto accaduto l’altro ieri all’interno dell’Aula Sollano del Consiglio Comunale di Agrigento dove lo smartphone del consigliere comunale Margherita Bruccoleri è svanito nel nulla solo dopo qualche minuto averlo lasciato incustodito. Un fatto che ha scatenato ovviamente i pensieri più “strani” e sul quale oggi intervengono la stessa vittima, Margherita Bruccoleri ed il presidente del civico consesso agrigentino, Daniela Catalano.

Secondo quanto affermato dalla consigliere Bruccoleri: “Ritengo doveroso fare alcune precisazioni per evidenziare la verità dei fatti, inerenti l’episodio verificatosi alla fine dell’ultimo Consiglio comunale, durante lo scambio degli auguri, allorquando mi sono accorta di avere smarrito il mio cellulare. Nonostante i miei colleghi e il pubblico presente mi abbiano aiutata a cercarlo, il cellulare non è stato ritrovato. Nessuna perquisizione, nessun intervento delle forze dell’ordine dal momento che si è trattato di un semplice smarrimento. A tale episodio è seguita infatti denuncia di smarrimento per evidenti ragioni di privacy e sicurezza. Mi spiace constatare che un episodio normalissimo, sia stato riportato in maniera distorta ed utilizzato come occasione per denigrare i Consiglieri comunali di Agrigento“.

Parole che si accompagnano a quelle del presidente Catalano che “manifesta forte disappunto per le notizie, divulgate in queste ore anche da testate giornalistiche nazionali, circa il presunto furto di uno smartphone in Consiglio comunale. Appare chiaro che l’episodio rappresentava una ghiotta occasione per denigrare i Consiglieri comunali cavalcando quella demagogica antipolitica che trova, poi, ingiusto sfogo nei confronti degli amministratori locali. Ma tutto ha un limite.
Per amor del vero, in occasione del brindisi effettuato in aula “Sollano” tra Consiglieri e quanti, a qualsiasi titolo, si trovavano in aula a conclusione dell’ultima seduta dell’anno, la Consigliera Margherita Bruccoleri si e ‘accorta di avere smarrito il proprio apparecchio cellulare. A quel punto, tutti i presenti si sono prodigati nel cercare, tra i banchi, il telefono smarrito. Nessuna perquisizione da parte della Polizia municipale ha, quindi, mai avuto luogo, contrariamente a quanto sbandierato da diversi giornali online, e nessuna denuncia di furto e’ mai stata presentata! E’, infatti, la stessa Consigliera Bruccoleri a precisare di aver semplicemente denunciato lo smarrimento del proprio cellulare, per ovvie esigenze di cautela oltreché di tutela della propria privacy.
Si auspica, dunque, che i fatti, per come effettivamente accaduti, siano correttamente rappresentati al cittadino, che oggi più che mai va incoraggiato a dialogare con i propri rappresentanti locali abbandonando quel troppo spesso fomentato sentimento di ingiustificato astio che, “ictu oculi”, danneggia tutti.
Tanto si rappresenta a tutela della realtà dei fatti e del decoro e della dignità del consiglio comunale tutto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.