fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Bivona, arriva l’attesa stabilizzazione per gli storici precari del Comune

Dopo ben 28 anni anche i precari storici del Comune di Bivona hanno firmato la loro stabilizzazione con la firma del contratto a tempo indeterminato.

Si tratta di otto lavoratori di categoria “A” con profilo professionale di “operaio generico”.

“Per me, per l’amministrazione comunale e per tutta la comunità Bivonese – ha affermato il sindaco Milko Cinà – è una giornata storica. Sono stati assunti a tempo indeterminato 8 lavoratori precari di categoria ‘A’ in servizio al Comune di Bivona da oltre ventotto anni. Si è concluso l’iter amministrativo per la loro stabilizzazione con decorrenza 31 dicembre 2018. Tanta è stata l’emozione per i lavoratori che hanno firmato, nella sala consiliare, il contratto di lavoro a tempo indeterminato e parziale di 24 ore settimanali, con inquadramento nel profilo professionale ‘operaio generico’. Si tratta di Vincenzo Giuseppe Arpa, Maria Giuseppina Cinà, Gemmesi Cutrò, Giuseppe Mortellaro, Franceco Panepinto, Fabrizio Pullara Tamburello, Giuseppina Rivolta e Roberto Speciale. La firma del contratto deve, comunque, rappresentare non un punto di arrivo ma di partenza per fare sempre di più e meglio. Con i pensionamenti che ci sono stati in questi ultimi anni, il personale comunale si è ridotto notevolmente per cui oggi più che mai c’è la necessità di dotare l’ente di personale operativo, preparato ed efficiente per rendere servizi migliori a favore dei nostri cittadini. Si tratta di un primo passo verso la definitiva risoluzione del precariato nel nostro Comune. Nel 2019, si procederà, infatti, ad espletare le procedure per l’assunzione definitiva di undici precari di categoria ‘C’, istruttori amministrativi. Molti enti avevano già iniziato questo percorso di stabilizzazione nel 2014. Io e la mia amministrazione esprimiamo, con immensa gioia, piena soddisfazione per il risultato raggiunto che rappresenta uno degli obiettivi del nostro programma elettorale. Mi corre l’obbligo di ringraziare il segretario comunale, Salvatore Vasile, e il dirigente del settore personale, Montemaggiore, a cui va dato il merito di avere concluso l’iter procedurale con tempestività, – ha concluso il Sindaco Cinà – prima che si concludesse il 2018, riuscendo così a dare stabilità e continuità a questi lavoratori che potranno finalmente iniziare un nuovo anno con più serenità insieme alle loro famiglie. Spero che il governo della Regione e il governo nazionale trovino una soluzione per i lavoratori Asu che, alla data odierna, non hanno ancora un contratto di lavoro ma percepiscono soltanto un sussidio erogato dall’Inps. Assieme agli altri sindaci, sto coinvolgendo l’Anci regionale a rappresentare la questione nelle sedi deputate per cercare di intraprendere un percorso che dia finalmente certezze anche a questi lavoratori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.