fbpx
Regioni ed Enti Locali

L’Istituto “Quasimodo” di Agrigento celebra la festa dell’albero

Piantumata una quercia da sughero all’interno dell’orto botanico della città dei templi. L’iniziativa ha visto protagonista l’Itc Quasimodo di Agrigento in occasione della giornata nazionale degli alberi, istituita dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e riconosciuta con l’art.1 della Legge 14 Gennaio 2013.

 Il suo scopo è promuovere la salvaguardia dell’ambiente, la riduzione dell’inquinamento e la valorizzazione degli alberi e si affianca ad iniziative analoghe di alcune associazioni, come la festa dell’albero organizzata da Legambiente. In questo ottica, il dirigente scolastico della “Quasimodo”, Nellina Librici, condividendo con entusiasmo la proposta dalla docente Marilena Capodicasa, ha voluto, d’intesa con il Libero Consorzio comunale, offrire ai propri alunni l’opportunità di vivere questa importante esperienza. E’ stata così realizzata un’aiuola, all’interno della quale è stata posta, accanto alla quercia, una targa con su scritto “Chi pianta un albero, pianta una speranza” proprio per evidenziare che è necessario porre fiducia nei bambini che rappresentano il futuro.

L’aiuola, riservata alla scuola, assume una doppia valenza visto che si trova all’interno dell’area dedicata ai giochi per i bambini: inculcare fin da piccoli dei sani principi che possano essere il “seme” sano per la salvaguardia dell’ambiente precursore di una vita migliore. Durante la manifestazione, che ha visto la presenza dei rappresentanti delle istituzioni locali, gli alunni di scuola dell’infanzia e le prime classi della primaria hanno allietato gli ospiti presenti con gioiose performance dimostrandosi entusiasti di stare all’aria aperta a contatto con la natura apprezzando nel contempo la bellezza dell’orto botanico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.