fbpx
Apertura Cronaca

Migranti, diretta a Lampedusa la nave “Alan Kurdi”: si profila un nuovo braccio di ferro?

Dopo il caso “Sea Watch” e quello della nave della Ong Mediterranea “Alex”, sembra abbattersi un nuovo macigno sull’Italia sul fronte immigrazione.

La nave della Ong tedesca Sea Eye “Alan Kurdi” che ieri ha tratto in salvo 65 persone sembra stia facendo rotta verso Lampedusa, ritenuto ancora una volta “porto sicuro”.

“Non siamo intimiditi da un ministro dell’interno – afferma la Sea Eye – ma siamo diretti verso il più vicino porto sicuro. Si applica la legge del mare, anche quando qualche rappresentante di governo rifiuta di crederlo”.

Si profila una nuova intesa giornata dopo quello delle ultime ore con la nave “Alex”; e proprio su quest’ultimo caso la Procura della Repubblica di Agrigento pare abbia aperto una inchiesta, anche se al momento non vi sarebbero indagati, per identificare eventuali scafisti. La competenza da parte della procura agrigentina è scattata al momento dello sbarco a Lampedusa di 13 migranti tratti in salvo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.