fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali Spalla

Naro, “incatenarono il nipote disabile”: chiesta condanna per gli zii tutori

Chiesta dal pubblico ministero la condanna di due coniugi originari di Naro accusati di avere segregato in casa il nipote disabile di 33 anni legandolo con una catena alla caviglia.

Come si ricorderà, furono i militari dell’Arma dei Carabinieri a scoprire i fatti e ad arrestare la coppia nell’ottobre del 2019. La richiesta del pm è di dieci anni di reclusione per la donna e nove anni per l’uomo, rispettivamente zia e zio della presunta vittima.

Per l’accusa, il giovane trentenne sarebbe stato ripetutamente percosso e umiliato. Le accuse sono di maltrattamenti e sequestro di persona (ipotesi di reato per le quali furono arrestati); il pubblico ministero ha aggiunto un’altra in un secondo momento, ovvero quella di peculato. I due tutori si sarebbero infatti appropriati di circa 65mila euro del trentenne, trasferendoli sul loro conto e destinandoli “a spese personali”.

I legali difensori della coppia illustreranno le loro arringhe il prossimo 27 ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.