fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Nell’agrigentino diramata una nuova allerta meteo “arancione”

Con un avviso Regionale della Protezione Civile della Regione Siciliana, è stata comunicata ai comuni dell’agrigentino lo stato di allerta meteo “arancione” preallarme a partire dalle ore 00,00 del 20.11.2018 fino alle ore 24,00 del 20.11.2018.

Si prevedono, infatti, precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporali sui versanti meridionali centrali della Sicilia con quantitativi cumulabili moderati. Il Sindaco Firetto ha firmato la relativa ordinanza che prevede, tra l’altro, l’interdizione delle aree pubbliche potenzialmente a rischio quali giardini pubblici, impianti sportivi all’aperto,aree giochi esterne, cimiteri e sottopassi. L’interdizione e l’uso temporaneo dei locali interrati, seminterrati e bassi sopratutto nelle vie interessate dalla recente esondazione e ubicate sul lato fiume del viale Emporium e la sospensione di tutte le manifestazioni all’aperto nonchè delle attività commerciali su strada e aree pubbliche anche se precedentemente programmate.

Anche il Sindaco di Ribera, Carmelo Pace, ha avvisato la popolazione, residente del Comune di Ribera, di adottare ogni e più opportuno mezzo di protezione dai fenomeni di allagamento che potrebbero verificarsi in concomitanza delle precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale.

In particolare, il primo cittadino consiglia:
Di non soggiornare o permanere in locali seminterrati o comunque posti al di sotto del livello stradale, ciò è riferito anche
alle automobili;
Di non allontanarsi, durante i fenomeni di precipitazioni, dalle proprie abitazioni se non per motivi strettamente necessari;
Di mettere in salvo tutti i beni collocati in locali allagabili e porre al sicuro la propria automobile evitando la sosta nelle
zone più a rischio evitandone l’uso se non in caso di necessità;
Di evitare il transito pedonale e veicolare nei pressi di aree già sottoposte ad allagamenti;
Di non spostarsi, durante i fenomeni temporaleschi, dai luoghi e dalle zone ritenute più sicure;
Di evitare e fare attenzione agli attraversamenti dei fiumi e dei valloni;
Di prestare attenzione agli ulteriori annunci diramati dalle autorità anche a mezzo dell’informazione nazionale e locale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.