fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Abbattimento Tari, Imu e canone patrimoniale per le imprese e le famiglie danneggiate dal Covid: richieste entro il 30 settembre

Ultimi tre giorni utili per presentare le domande per ottenere l’abbattimento totale o parziale di Tari, Imu e canone patrimoniale per le imprese e le famiglie danneggiate dal Covid.

La scadenza, infatti, è fissata al 30 settembre prossimo.

“Una opportunità di sostegno e di aiuto concreto – ha dichiarato il Sindaco Francesco Miccichè – per tutti gli imprenditori e le famiglie colpiti dalla crisi legata al Covid-19 e alle restrizioni. Tagliare le tasse comunali in un momento così difficile rappresenta sicuramente una boccata di ossigeno per molti. Ricordo che rimangono gli ultimi tre giorni disponibili per presentare le istanze al Comune”.

A disposizione ci sono quattro milioni di euro stanziati dal Governo Nazionale.

A beneficiare delle agevolazioni non sono solo le aziende che hanno dovuto chiudere per un periodo a seguito delle restrizioni, ma tutte le categorie produttive che hanno subito perdite minori. Si potranno applicare riduzioni degli importi fino al 100 per cento per le utenze non domestiche danneggiate dal covid e una sforbiciata alla Tari, per sostenere le imprese la cui attività è stata limitata in misura diversa tenendo conto di alcuni criteri oggettivi:

– il periodo di chiusura previsto dalla normativa,

– le difficoltà nella ripresa anche legate agli obblighi in tema di distanziamento sociale e di sanificazione dei locali.

Nel regolamento approvato dal Consiglio comunale lo scorso luglio sono previste misure agevolative sulla Tari fino al 100 per cento per l’anno 2021 per tutte le attività commerciali che hanno subito ingenti perdite, a seguito delle misure restrittive dovute al covid;

Ulteriori misure agevolative sulla tassa dei rifiuti sono previste anche per quelle aziende non soggette a chiusure, ma che documentino una riduzione valore fatturato 2020 almeno pari al 30%.

Previste, inoltre, la riduzione del canone patrimoniale per l’anno 2021 a favore dei soggetti passivi di occupazione di suolo pubblico e della imposta pubblicitaria e di IMU a favore dei proprietari di immobili strumentali per lo svolgimento della propria attività.

Nella previsione di riduzione sulla Tari non solo imprese ma anche agevolazione a soggetti ammessi al bonus sociale.

“L’Amministrazione Comunale di Agrigento -ha affermato il Vicesindaco e Assessore al Bilancio, Aurelio Trupia – vuole fortemente sostenere le attività commerciali e tutti quei soggetti che hanno subito danni legati alla pandemia. Ci sono oltre 4 i milioni a disposizione per ridurre in modo netto nel 2021 le imposte comunali Tari, Imu, e canone patrimoniale. Tengo a sottolineare – conclude Trupia – che i fondi messi a disposizione provengono dal cosiddetto “Fondo perequativo” istituito con L.R. n. 9 del 2020 e dall’assegnazione Statale previsto dal D.L. 73/2021 il cosiddetto sostegni bis”.

“Agevolazione che tengono conto non soltanto delle attività commerciali maggiormente colpite dalla pandemia – ha aggiunto l’Assessore allo Sviluppo economico e promozione del territorio, Francesco Picarella – ma anche di tutti quei soggetti titolari di partite iva che per svolgere la propria attività non necessitano di sede operativa fissa, come ad esempio agenti di commercio, ambulanti e liberi professionisti”

Al seguente link sono disponibili i moduli per accedere alle agevolazioni: https://www.comune.agrigento.it/agevolazioni-straordinarie-da-emergenza-covid/

Le istanze di richiesta di accesso al beneficio di riduzione e agevolazione del tributo interessato dovranno essere presentate attraverso i canali telematici:

[email protected] oppure, con consegna diretta a Ufficio Protocollo del Comune di Agrigento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.