fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento: il cardinale Montenegro “porta la Pasqua ” al carcere “Petrusa”

 

carcere petrusaÈ Pasqua anche alla casa circondariale di Agrigento.

Il Cardinale Francesco Montenegro (in foto), come sempre in prima linea nei luoghi di sofferenza, ha voluto celebrare messa tra i detenuti del carcere “Petrusa”. In una chiesa addobbata con le palme e gli ulivi del tenimento agricolo in senso alla casa circondariale, il Cardinale ha lanciato un messaggio molto importante per i detenuti, ma anche per il direttore dell’istituto, per il comandante, per il corpo di polizia penitenziaria, per gli educatori, i docenti che portano avanti la formazione umana e culturale dei corsisti e per tutti i volontari presenti.

Don Franco ha invitato a comprendere il vero significato della fede ” Il crocifisso, non è solo un gingillo da portare addosso, credere non significa fare le preghiere ogni giorno, avere fede significa chiedersi da che parte si sta. Dalla parte di Giuda? Dalla parte di Pietro che rinnegò Gesù? Dalla parte del centurione che riconobbe in Cristo il figlio di Dio? Ognuno di noi” prosegue il Cardinale nell’omelia” davanti il crocifisso deve chiedere da che parte sta! E proprio la Pasqua è il momento in cui Gesù ci dice: ‘se mi vuoi bene cambia vita’ se il nostro cuore è coperto con una pietra come il sepolcro, la pietra del rancore, della rabbia, della violenza, il periodo Pasquale è il momento in cui mettere da parte la pietra che occlude il nostro cuore. Il Signore è sempre disposto al perdono ma prima bisogna cambiare il proprio cuore“.

Un monito quello di Don Franco, molto sentito da tutti i presenti. Al termine della messa i corsisti dell’istituto alberghiero “Ambrosini” di Favara della casa circondariale, hanno omaggiato il cardinale con l’Agnello Pasqua, simbolo della tradizione pasticciera favarese e frutto del lavoro svolto dai detenuti, sapientemente guidati dai docenti dell’Ambrosini, che stanno impiegando il loro tempo per diventare uomini nuovi sia sotto il profilo personale che professionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.