fbpx
Sport

Akragas 6 Bellissima: grande festa per gli agrigentini – FOTO e VIDEO

6Giornata di festa oggi allo stadio Esseneto di Agrigento, dove, davanti a circa 6 mila spettatori, i biancazzurri di mister Feola, già promossi in Lega Pro, affrontano la Marcianese per un match che rappresenta una vera e propria passerella per l’undici in campo.

Gli Akragantini accolti da un calore ed una passione eccezionale, vogliono regalare a questo splendido pubblico, l’ennesima vittoria di una stagione, che verrà ricordata come una delle più esaltanti che il calcio agrigentino abbia mai vissuto.
L’Akragas si presenta in campo con: D’Alessandro, De Rossi, Dentice, Baiocco, Vindigni, Chiavaro, Tiscione, Bonaffini, Dezai, Savanarola, Catania; la Marcianese risponde con: Vigliotti, Ciocia, Mambella, Conte, Giordani, Temponi, Tenneriello, Partipilo, El Ouazni, D’Anna, D’Ursi.
Un tifo incessante fa da cornice a due splendide coreografia preparate dai ragazzi della “Curva Sud” e della “Gradinata”, che rendono davvero indimenticabile l’ingresso delle due squadre; il tifo agrigentino ancora una volta, dimostra la sua grandissima passione per i colori biancazzurri dando anche un esempio di civiltà e sportività che vanno rimarcate.

La partita appare subito a senso unico, uno straordinario Davide Baiocco, vero e proprio padrone del centrocampo, delizia il pubblico accorso allo stadio Esseneto con tocchi di prima e verticalizzazioni geniali; è un suo il lancio lungo che mette Savonarola a tu per tu col portiere ospite che non può far altro che atterrarlo, costringendo il signor Loprete di Catanzaro a decretare il calcio di rigore ed a sancire la giusta espulsione per il numero uno gialloverde al 15° minuto di gioco.

Cambio per la Marcianese esce D’Ursi, entra il secondo portiere Barone.

Sul dischetto di presenta, un visibilmente emozionato, Dezai che si fa ipnotizzare dal numero 12 giallo verde e rimanda l’appuntamento con il vantaggio bianco azzurro.

La squadra di mister Feola, non fa una piega e continua a macinare gioco, arrivando alla rete del vantaggio al 20° del primo tempo con uno straordinario Savonarola che si beve la difesa campana ed anticipa l’uscita di Barone con uno splendido tocco che non lascia scampo al portiere avversario.
L’Akragas, trovato il vantaggio, mantiene la sua fluidità di gioco, creando tantissime azioni da rete e sull’ennesimo attacco guadagna un calcio d’angolo, sugli sviluppi del quale è Agatino Chiavaro ad anticipare tutti ed a insaccare il raddoppio bianco azzurro al 35° minuto.

Non contenta del doppio vantaggio la squadra della città dei Templi continua col suo forcing offensivo, trovando allo scadere del primo tempo il terzo gol su una pregevole conclusione di Catania; dopo tre minuti di recupero finisce il primo tempo sul risultato di Akragas 3 Marcinaese 0.

Il secondo tempo è pura accademia per l’Akragas: triangolazioni, passaggi di prima e fluidità di manovra, vero marchio di fabbrica degli uomini di Feola, mettono più volte gli attaccanti biancazzurri davanti al malcapitato Barone, che deve capitolare di nuovo al 65° sulla rete di Tresor Dezai, “Lillo” per tutto il pubblico agrigentino, che riscatta l’errore dal dischetto del primo tempo, regalandosi la gioia del goal nella partita della festa promozione.
Il secondo tempo prosegue con un Akragas ancora col piede sull’acceleratore, spinta anche dall’incessante tifo del pubblico di casa, che riesce a trovare altre due reti al 70° con Bonaffini e al minuto 80° di nuovo con Chiavaro, che sancisce la maiuscola prestazione che i biancazzurri oggi regalano agli sportivi accorsi allo stadio Esseneto.
Da segnalare infine le sostituzioni di Baiocco, al quale viene riservata una vera e propria standing ovation, Dezai e Vindigni rispettivamente con Risolo, Longoni ed Arena.

Dopo 3 minuti di recupero il fischio che decreta la fine del match viene accompagnato da una vera e propria ovazione, la festa dell’Akragas può continuare sugli spalti ed in campo.

In ultima analisi, facendo ancora i complimenti allo straordinario lavoro fatto da staff, dirigenza e squadra, ricordiamo a tutti gli appassionati che l’avventura stagionale dell’Akragas non finirà domenica in quel di Rende, per l’ultima giornata del girone I di serie D, ma proseguirà con la poll scudetto, nella quale i ragazzi di Feola, si scontreranno con Andria e Lupa Castelli Romani in un triangolare che decreterà le semifinaliste per l’ambito titolo dilettantistico.

(Guarda il video)

Giuseppe Paradisi
© RIPRODUZIONE RISERVATA

[fancygallery id=”10″ album=”19″]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.