fbpx
Apertura Cronaca Regioni ed Enti Locali

Furto aggravato in concorso di energia elettrica: denunciati tre agrigentini

Ieri, nelle prime ore della mattinata, personale dell’U.P.G.S.P. collaborato da personale di “e-distribuzione” (ex Enel Distribuzione), si recava a Realmonte (AG) presso una nota ditta di surgelati, dove, a seguito di alcuni accertamenti tecnici espletati da personale “e-distribuzione”, si presumeva il furto di energia elettrica.
Ivi giunti, una pattuglia, si poneva su uno slargo della strada comunale nei pressi della ditta, al fine di tenere sotto controllo il vano porta contatore, ubicato sul muro dell’azienda. In tale frangente, le apparecchiature tecniche di “e-distribuzione” rilevavano un modestissimo consumo di energia elettrica.
Gli operatori dell’altra pattuglia, invece, notato l’arrivo di uno dei responsabili della ditta, e con questi entravano nell’azienda, in tale frangente, veniva notato che un uomo anziano, repentinamente, armeggiava nei pressi del contatore elettrico e se ne allontanava velocemente.
A seguito di tale manovra, gli agenti ed i tecnici, constatavano l’immediato ed abnorme innalzamento dei consumi.
Ciò faceva presumere che l’oggetto asportato fosse un magnete, utilizzato in maniera fraudolenta per commettere il furto di energia elettrica, posizionandolo sulla parte superiore del contatore elettrico al fine di provocare un “errore” del
-90% circa.
Gli operatori, effettuavano un’accurata perquisizione nei locali della ditta, nell’abitazione privata e in un appezzamento di terreno pertinente; nel terreno, poco distante dal contatore, veniva rinvenuto nr.1 magnete di grosse dimensioni servito a sottrarre abusivamente energia elettrica.
Gli agenti operanti procedevano al sequestro del magnete e del contatore elettrico sul quale erano presenti inequivocabili segni di “simil-strofinamento”, dati certamente dal forte attrito con la superficie.
I tre soggetti, venivano pertanto deferiti in Stato di Libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di “Furto Aggravato di Energia Elettrica in concorso”. Nella circostanza ed in via cautelare, venivano altresì ritirate le armi e le munizioni regolarmente detenute dai tre individui ai sensi dell’art. 39 T.U.L.P.S..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.