fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali Spalla

Porto Empedocle, trovato in possesso di sostanza stupefacente e armi da taglio: arrestato gambiano

Lo scorso 31 luglio 2021 in Porto Empedocle la Polizia di Sato, procedeva all’arresto di un cittadino gambiano.

Gli uomini della Volante del Commissariato interveniva in quella via IV Novembre, dove poco prima era stata segnalata su linea di emergenza “112 NUE” che un uomo extracomunitario disturbava gli avventori di una attività commerciale. Sul posto gli operatori notavano che il giovane extracomunitario molestava i presenti e alla vista del personale in divisa iniziava ad inveire contro gli operatori con un comportamento aggressivo, minaccioso e insofferente al controllo di polizia. Durante le operazioni di identificazione il giovane, con una mossa repentina, estraeva dalla tasca dei pantaloni un coltello da cucina. Prontamente veniva bloccato dagli agenti che lo immobilizzavano, lo disarmavano e con non poche difficoltà lo assicuravano con le manette in dotazione al fine di salvaguardare la propria incolumità e quella delle persone presenti.

Gli operatori continuavano nella perquisizione personale che portava al rinvenimento di un altro coltello con la lama intrisa di sostanza colore marrone scuro, un bilancino di precisione abilmente occultato, Nr. 2 Blister contenente in ognuno di esse 2 compresse da 2 mg, rinvenute all’interno del porta documenti e Nr. 4 involucri in cellophane termosaldata di cui 2 di colore trasparente e due di colore blu contenenti sostanza verosimilmente stupefacente del tipo “Hashish” per un peso complessivo di gr. 22,666.

Pertanto, ritenuta la complessiva condotta posta in essere dal cittadino extracomunitario e dai gravi indizi di colpevolezza, l’extracomunitario, veniva tratto in arresto per i reati di resistenza a Pubblico Ufficiale, porto abusivo di armi da taglio e possesso di sostanze stupefacenti. Gli operatori procedevano altresì al sequestro di due coltelli e della sostanza stupefacente rinvenuta. Su disposizione del P.M. di turno, l’uomo veniva associato presso la Casa Circondariale di Gela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.