fbpx
Politica

Rivoluzione Beni Culturali in Sicilia: anche “Agrigento Cambia” e “Agrigento Rinasce” contro la decisione dell’assessore Vermiglio

agrigento cambia rinasce“I soldi degli Agrigentini devono restare ad Agrigento. Crocetta non può pensare di fare cassa e dirottare a Palermo i fondi provenienti dai biglietti d’ingresso nella Valle dei Templi”.

Lo dichiarano in una nota stampa i capigruppo in Consiglio Comunale di “Agrigento Cambia”, Pietro Vitellaro, e “Agrigento Rinasce”, Vincenzo Licata, dopo la 

“Occorre, tutti insieme, – affermano i due consiglieri – fare una seria battaglia politica contro la decisione dell’assessore regionale Vermiglio che vincola l’utilizzo dei fondi del Parco archeologico.
La Valle dei Templi deve essere una risorsa per la Città di Agrigento ed il suo territorio. In questo modo si fanno solo gli interessi dei burocrati palermitani”.
“I fondi della Valle dei Templi – continuano Vitellaro e Licata – non devono essere dirottati altrove, anzi, dichiariamo con forza che il 30%, previsto dalla legge, ci sta stretto ed è insufficiente per migliorare i servizi ed incrementare l’offerta turistica in Città,
Siamo tutti molto bravi a sbandierare la vocazione turistica della nostra terra, ma qui, addirittura, si cerca di bloccarne lo sviluppo e si fanno passi indietro”.
“Serve una lotta, fianco a fianco, con tutte le forze politiche del territorio, di maggioranza e di opposizione.
I gruppi consiliari “Agrigento Cambia” ed “Agrigento Rinasce” presenteranno al Presidente del Consiglio comunale una mozione finalizzata ad interessare la più importante assise cittadina sull’argomento.
Pretendiamo che tutta la classe politica di Agrigento, si batta insieme a noi, al fine di riappropriarci della gestione del nostro territorio non possiamo essere ospiti a casa nostra”, concludono i due consiglieri comunali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.