fbpx
Cronaca

Rubò cavi di rame: scattano i domiciliari per un canicattinese

Era il 2008 quando un 74enne di Canicattì fu trovato in possesso di ben 500 chili di rame trafugati da impianti dell’Enel o dalle reti ferroviarie.

Adesso arriva la sentenza definitiva da parte del Tribunale di Sorveglianza di Palermo che ha rigettato la richiesta della messa in prova come pena alternativa, ed ha deciso di far scontare all’uomo la pena ponendolo agli arresti domiciliari. Eseguito, dunque, dai poliziotti del commissariato di Canicattì, quanto prescritto dal suddetto Tribunale. L’accusa per l’anziano è di ricettazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.