fbpx
Apertura Cronaca

Agrigento, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione: inchiesta partita da una “soffiata”

Il tutto sarebbe nato da una “soffiata”, da una “pentita” che avrebbe rivelato il presunto giro di prostituzione nel centro storico di Agrigento scoperto dopo l’inchiesta denominata “Bed & Babies” che ha portato all’arresto di tre persone.

Come si ricorderà, personale della Squadra Mobile di Agrigento, diretta da Giovanni Minardi, ha sviluppato, per diversi mesi e fino all’inizio del 2019, un’articolata attività investigativa che ha permesso di accertare che un notevole flusso di soggetti che si recavano, al fine di consumare prestazioni sessuali, presso tre abitazioni site in questa Via Saponara e tutte riconducibili al nucleo familiare di Pace Emanuele; le indagini hanno permesso di verificare la consapevolezza degli arrestati circa le attività cui erano destinati i locali di Via Saponara, da parte di prostitute e transessuali che pagavano, per tale peculiare utilizzo, prezzi di affitto maggiorati, usufruendo anche dei servizi di supporto logistico degli odierni arrestati.
Le attività di P.G. sono state coordinate dal Sostituto Procuratore Elenia Manno, della Procura della Repubblica di Agrigento, diretta da Luigi Patronaggio.

Ora emergerebbero alcuni dettagli, ed in particolare le rivelazioni di una “pentita” che avrebbe raccontato di minacce dopo una chiamata ai Carabinieri. Un tentativo di pestaggio avvenuto – secondo il presunto racconto – per avere chiamato le Forze dell’Ordine con l’intento di sedare una lite avuta con un trans e un’altra escort.

Solo nell’aprile del 2018 la presunta vittima decise di raccontare tutto ai poliziotti della Questura di Agrigento, facendo così avviare le indagini.

“La donna – si legge nell’ordinanza del Gip del Tribunale di Agrigento – riferiva in ordine a un complesso di immobili siti nel centro storico della città che venivano dati in locazione esclusivamente a prostitute, dietro il pagamento di una somma di denaro compresa fra i 40 e i 60 euro al giorno, a seconda del periodo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.