fbpx
Cronaca

Omicidio Loris: Veronica Panarello scrive una lettera al suocero da lei indicato come l’assassino

Loris StivalNella terza e non si esclude che non sia l’ultima, confessione shock, Veronica Panarello, mamma del piccolo Loris, dichiara a chiare lettere che ad uccidere il bambino fu il suocero/amante/ nonno orco Andrea Stival.

Il tutto viene messo nero su bianco su una missiva di sfogo,scritta dalla stessa Veronica e pubblicata dal settimanale “Giallo”.

Tutti quelli che per dieci anni mi sono stati accanto ora sono spariti…”. Poi lo sfogo: “Loris aveva scoperto che io e mio suocero Andrea eravamo amanti e minacciava di riferirlo al suo papà. Andrea lo ha strangolato con un cavo usb affinché non parlasse”

Solo una riga dedicata al marito: “Davide si è allontanato da me e con sé tiene lontano l’unico figlio che mi è rimasto…”. Subito dopo, Veronica torna a parlare del suocero:

Come può dire tante cattiverie sul mio conto? Ho letto molte delle intercettazioni e la frase che non permetto che venga detta dalla compagna di Andrea è che io fracassavo di legnate tutto il giorno Loris. Questa è una grandissima bugia e questo sarà uno dei tanti flash mentali che si faceva lei. Ultimamente i rapporti erano cambiati, da quando un giorno Andrea venne a casa mia dicendomi che la voleva lasciare. E lei dopo aver capito che sapevo tutto, molte cose erano cambiate. Andrea era molto schivo e si faceva vedere raramente inventando scuse”.

Dal canto suo, Andrea Stival mantiene la tranquillità di chi con questa terribile storia, non c’entra nulla:

Confido nell’operato della magistratura” dichiara al settimanale Giallo “Veronica dice solo bugie e presto tutto sarà chiarito”. Il suo avvocato, Francesco Biazzo ha aggiunto: “Gli inquirenti dovranno vagliare le dichiarazioni di Veronica, ma non mi risulta che finora ci siano stati errori nell’attività investigativa. Di conseguenza è da escludere qualsiasi coinvolgimento del signor Stival nella vicenda. La relazione tra lui e Veronica? Solo gossip…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.